Comune di Rosignano Marittimo

Comune di Rosignano Marittimo

Il sito ufficiale del tuo Comune

Ti trovi in: Home

Indietro

Il Comune di Rosignano ha approvato l’Accordo di Programma per l’attuazione del Progetto di Riconversione di Riqualificazione Industriale per l’area di crisi complessa Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo (Delibera di Giunta n. 266 del 30.08.16). Il Piano favorirà l’attrazione di investimenti nella aree industriali e  la razionalizzazione dei sistemi energetici nel Parco Industriale Solvay.

 

La proposta di P.R.R.I. dell’area di crisi industriale complessa di Livorno/Polo produttivo dell’area costiera livornese, elaborata da Invitalia e condivisa con le istituzioni locali, le parti sociali e le imprese, è stata approvata il 20 luglio 2016 dal Gruppo di Coordinamento e Controllo dell'Accordo di Programma per il rilancio competitivo dell'area costiera livornese del 8 maggio 2015 (sottoscritto da: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare, Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, Regione Toscana, Provincia di Livorno, Comuni di Livorno, Collesalvetti, Rosignano Marittimo, Autorità Portuale di Livorno e della Rete Ferroviaria Italiana), con lo scopo di definire una complessa manovra unitaria di intervento sull'area urbana di Livorno-Collesalvetti e sul parco produttivo di Rosignano Marittimo, mediante l'attuazione di un Piano di rilancio della competitività articolato su diversi ambiti. Il Ministro dello Sviluppo Economico con Decreto del 7 agosto 2015 ha formalmente dato l'avvio alle azioni previste dall'Accordo di Programma per l'approvazione del P.R.R.I. (Progetto di Riconversione e Riqualificazione Industriale).

 

Il P.R.R.I. prevede tre linee di intervento sull’intera area dell’Accordo, il territorio di Rosignano è interessato dall’Azione III “Offerta Localizzativa” che riguarda il parco produttivo di Rosignano Marittimo. Gli interventi si declinano principalmente in due attività: l’attrazione di nuovi investimenti e la razionalizzazione dei sistemi energetici.

Per l’attrazione di investimenti è stato stanziato un pacchetto agevolativo di 20 milioni (10 dalla Regione 10 dal MISE) e sono state individuate dal Comune con Invitalia le aree industriali immediatamente disponibili da destinare a tale attività. In particolare le aree individuate sono: 370.000 mq all’interno del Parco Industriale Solvay, di proprietà della Solvay Chimica Italia Spa, e 17.200 mq nell’Area Artigianale de Le Morelline di cui 13.000 mq con destinazione artigianale e 4.200 mq a destinazione commerciale. A maggio 2016 la manifestazione di interesse emanata da Invitalia con l’obiettivo di valutare le potenziali nuove iniziative imprenditoriali ha ricevuto 27 schede di candidatura con proposte di investimento in diversi settori produttivi (tra i principali: agricoltura, chimica, trattamento e smaltimenti rifiuti, alberghi) e in ricerca e sviluppo con richieste di finanziamenti per 121.637.300 euro e con un incremento previsto di 264 addetti. Il bando vero e proprio sarà pubblicato ad ottobre. Il finanziamento della Regione sarà erogato tramite i bandi “Protocolli di insediamento”, il primo è uscito a luglio con un investimento previsto di 3 milioni di euro.  Agli investimenti si aggiungono misure di sostegno al reddito quali incentivi per nuove assunzioni, interventi peri l reimpiego di lavoratori, Lavori di Pubblica Utilità.

Per la razionalizzazione dei sistemi energetici il Comune ha dato priorità al contenimento del costo energetico del Parco Industriale Solvay; in particolare, con lo scadere nel 2017 del cosiddetto CIP6 che garantiva a Solvay un approvvigionamento energetico a costi più bassi, si sarebbero determinati aumenti per l’approvvigionamento del vapore tali da mettere in crisi la competitività dell’interno parco industriale. Il Mise, a seguito di uno specifico tavolo tecnico (composto anche da Regione, Comune e Solvay) ha predisposto un pacchetto di misure per consentire il mantenimento dell’impegno industriale di Solvay sul territorio e la realizzazione di un piano di investimenti per la creazione di nuove attività e nuovi posti di lavoro.

“L’approvazione del P.R.R.I. è un passo fondamentale per supportare lo sviluppo del territorio, prevenendo potenziali situazioni di crisi - afferma il sindaco Alessandro Franchi - l’obiettivo strategico dell’Amministrazione è creare occupazione e rilanciare la competitività investendo sulle attività produttive; sul territorio il settore manifatturiero ha uno sviluppo importante, per cui il Piano potrà attrarre investimenti e creare nuovi posti di lavoro”.

Pubblicato il 31-08-2016
 Vedi anche:
Indietro
^